3894689206
leamichedimafalda@hotmail.it

I PROGETTI NELLE SCUOLE

Sensibilizzare per prevenire la violenza di genere

Fin dai suoi esordi, l’associazione si è impegnata in attività di sensibilizzazione e prevenzione della violenza nelle scuole superiori ed inferiori del territorio.

Scuola Media Montescudaio
Scuola Media Montescudaio
Scuola Elementare Montescudaio
Scuola Elementare Montescudaio
Scuola Elementare Montescudaio
Scuola Elementare Montescudaio
previous arrow
next arrow
Slider

PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2017-2018

Dal 2017 l’associazione si è impegnata con la Dirigenza dell’Istituto Tecnico Industriale ITI di Pomarance in un progetto quinquennale che consiste nell’iniziare il percorso con una prima classe da portare avanti negli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico. Il percorso, partendo dagli stereotipi e pregiudizio, toccherà gli stereotipi di genere fino ad arrivare alla violenza nelle relazioni affettive tra adolescenti.

LINEE DI AZIONE

Azione 1 – W LE DIFFERENZE
L’azione prevede la realizzazione di un intervento di operatrici dell’associazione formate sul tema degli stereotipi e pregiudizi nella I classe dell’ITI di Pomarance. Ogni intervento prevede 2 moduli di 2 ore ciascuno per un totale di 4 ore per la classe partecipante, con la presenza di 2 operatrici per classe che seguiranno il gruppo fino alla fine del percorso. L’intervento sarà realizzato  attraverso una metodologia partecipativa.

Azione 2 – RISPETTO A NOI
Gli stereotipi di genere e la comunicazione nelle attività didattiche e nei testi scolastici
L’azione prevede la realizzazione di un intervento di operatrici dell’associazione formate sul tema del genere con gli/le insegnanti della classe I media coinvolta nel progetto.
L’intervento si centrerà sugli stereotipi di genere e sulla loro trasmissione all’interno del mondo
educativo attraverso l’uso di testi scolastici e nell’uso specifico del linguaggio. Gli/le insegnanti saranno invitati a partecipare attivamente attraverso giochi e dinamiche alternate a discussioni semi-strutturate. Saranno inoltre fornite informazioni su studi specifici e bibliografia di approfondimento.

Nel 2018 le azioni si sono ripetute con la nuova classe prima. Inoltre, è stato introdotto un nuovo modulo con la classe II che l’anno precedente aveva partecipato al progetto centrato sulla strutturazione dell’identità di genere, sulle differenze di genere e sugli gli stereotipi con particolare attenzione al modello familiare.
Ogni intervento prevede 2 moduli di 2 ore ciascuno per un totale di 4 ore per la classe partecipante, con la presenza di 2 operatrici per classe che seguiranno il gruppo fino alla fine del percorso.
L’intervento è stato realizzato attraverso una metodologia partecipativa centrata su elementi di
costruzione del maschile e del femminile, con particolare riferimento all’ambito familiare, attraverso dinamiche e giochi volti a far emergere differenze giuste e ingiuste dei ruoli di genere legati al nostro contesto culturale.

Il progetto è interamente finanziato dall’Associazione.

PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2016-2017

W LE DIFFERENZE

Il progetto nasce dalla necessità di intervenire con un azione culturale sull’identità di genere e sulle modalità relazionali fra generi, quale azione preventiva della stessa violenza sulle donne, in un ambito territoriale in cui le esperienze formative in questo ambito sono state negli anni sporadiche e isolate

Obiettivi

  • Offrire agli adolescenti coinvolti nel progetti, nonché ai loro insegnanti, strumenti critici su tematiche di riflessione ad oggi non adeguatamente valorizzate, sebbene essenziali, quali la parità di genere e la lotta agli stereotipi per poter favorire lo sviluppo di una cultura improntata alla condivisione dei ruoli nella famiglia e nella società moderne e a modalità di relazione tra generi

 

Beneficiari/e:
Il progetto prevede un percorso didattico partecipativo da iniziare con la I media di Castelnuovo e da proseguire negli anni successivi con lo stesso gruppo di alunni/e fino a conclusione del ciclo scolastico (I, II e II media).

Progetto totalmente autofinanziato dall’associazione (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

RISPETTO A NOI

Prevenzione della violenza di genere nella popolazione adolescente, facendo particolare riferimento alle relazioni affettive tra adolescenti.

Obiettivi

  • Promuovere il riconoscimento dei bisogni individuali nell’ottica di un rapporto “sano”
  • Facilitare il riconoscimento dei segnali di allarme della violenza

 

Beneficiari/e:
Studenti e studentesse di 3 classi (in particolare 1 classe del liceo pedagogico, 1 classe del liceo artistico e 1 classe del ITCG) di Volterra per un totale di 80 partecipanti, con interventi di 4 ore per classe (divisi in 2 tempi di 2 ore ciascuno) per un totale di 12 ore realizzate tra ottobre e dicembre 2015. A conclusione del percorso, i/le partecipanti sono stati invitati a prendere parte al concorso instituito dalla Provincia di Pisa “Violenza amore non è”.

Progetto totalmente autofinanziato dall’associazione (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

RISPETTO A NOI CASTELNUOVO

Il progetto prevede l’intervento di operatrici dell’associazione formate sul tema del genere con la classe II media dell’Istituto del Comune di Castelnuovo, a continuazione dell’intervento realizzato dal Consultorio Giovani sul tema dell’adolescenza e delle relazioni tra pari.

L’associazione proseguirà idealmente il precedente intervento, centrandosi sulla comunicazione, identificando modalità comunicative rispettose e modalità aggressive, accompagnando i/le studenti/esse nell’identificazione delle forme di violenza nelle relazioni e dell’influenza degli stereotipi di genere nella relazioni.

Ore di attività previste
Incontri formativi divisi in 2 moduli da 2 h per ciascuna classe, per un totale di 4 ore.

PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2014-2015

RISPETTO A NOI

Progetto con al centro la prevenzione della violenza di genere nelle relazioni affettive tra adolescenti.

 

Obiettivi

  • Promuovere il riconoscimento dei bisogni individuali nell’ottica di un rapporto “sano”
  • Facilitare il riconoscimento dei segnali di allarme della violenza

Beneficiari/e:

Studenti e studentesse di 5 classi (2 classi del liceo pedagogico, 2 classi del liceo artistico e 1 classe del ITCG) per un totale di 110 partecipanti, con interventi di 4 ore per classe (divisi in 2 tempi di 2 ore ciascuno) per un totale di 20 ore realizzate tra ottobre e dicembre 2014.

Progetto totalmente autofinanziato dall’associazione (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

EDUCARE ALLE DIFFERENZE

Scopo del progetto è favorire una riflessione sui meccanismi alla base della costruzione del maschile e del femminile nei bambini, promuovendo una visione paritaria tra i generi facilitando l’espressione delle visioni del maschile e del femminile tra i bambini.

Il progetto ha visto la realizzazione di un laboratorio movimento-espressione rivolto a una classe delle scuole primarie dell’istituto comprensivo di Pomarance (II), incentrato sul tema della strutturazione dell’identità di genere, sulle differenze di genere e sugli stereotipi con particolare attenzione ai modelli che i bambini apprendono nel contesto educativo genitoriale.

L’intervento è stato realizzato dall’associazione affiancata da Officine Papage per un totale di 12 incontri a cadenza settimanale di 1h 30 min. Quindi 18 ore ealizzate tra gennaio e aprile 2015.

Il progetto è stato finanziato dalla Società della Salute (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

SCUOLA DI MONTESCUDAIO

Intervento globale sulla prevenzione alla violenza di genere che ha interessato:

  • Alunni ed alunne delle scuole elementari di Castellina, Riparbella e Guardistallo (100 partecipanti) sull’educazione alle differenze, con interventi di 4 ore/classe divisi in 2 moduli, per un totale di 12 ore.
  • Alunni ed alunne delle scuole medie di Castellina e Montescudaio (65 partecipanti) sulla violenza e gli stereotipi di genere, con interventi di 4 ore/classe divisi in 2 moduli, per un totale di 12 ore.
  • Insegnanti delle scuole elementari, medie e materne (85 insegnanti) sugli stereotipi di genere veicolati nei testi scolastici e attraverso il linguaggio, con interventi di 3 ore per gruppo per un totale di 6 ore.
  • Genitori degli alunni e alunne di tutte le classi e sedi scolastiche di Montescudaio sul progetto realizzato, con un intervento di 2 ore seguito da uno spettacolo conclusivo.

Il progetto è stato finanziato dall’Istituto di Montescudaio.

PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RISPETTO A NOI

Prevenzione della violenza di genere nella popolazione adolescente, facendo particolare riferimento alle relazioni affettive tra adolescenti.

Obiettivi

  • Facilitare il riconoscimento dei segnali di pericolo di violenza all’interno delle relazioni affettive tra giovani
  • Promuovere il riconoscimento dei bisogni individuali all’interno di una relazione affettiva tra adolescenti, nell’ottica di costruzione di un rapporto sano
  • Coinvolgere gli studenti nella realizzazione di strumenti di sensibilizzazione della popolazione giovanile sul tema della violenza di genere

 

Beneficiari/e:

Studenti e studentesse del Liceo psicopedagogico (IV) e del Liceo artistico (IV e V classe) di Volterra, per un totale di circa 90 studenti e studentesse, con interventi di 4 ore per classe (divisi in 2 tempi di 2 ore ciascuno) per un totale di 12 ore realizzate tra settembre e novembre 2014. La II fase di progetto è stata caratterizzata dalla preparazione del concorso e dallo spettacolo conclusivo con premiazione finale (14 dicembre).

Il progetto è stato totalmente autofinanziato dall’associazione (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2011-2012

UNO E L’ALTRO

Progetto con lo scopo di prevenire la violenza di genere attraverso l’approfondimento dell’identità di genere e la lotta alle discriminazioni in base all’orientamento sessuale. Il progetto, in collaborazione con Officine Papage, ha previsto:

  • Rappresentazione mattutina dello spettacolo teatrale One new man show  (regia di Davide Tolu) per le classi dell’ITI di Pomarance e dell’ITCG di Volterra, seguita da una discussione plenaria con regista e attori.
  • Organizzazione di due incontri di preparazione alla visione dello spettacolo con le classi invitate a partecipare allo spettacolo centrati sulle tematiche del “maschile” e “femminile”, e sugli stereotipi di genere.

 

Beneficiari/e:
studenti e studentesse dell’ITI di Pomarance e dell’ITCG di Volterra, per un totale di circa 90 studenti.

Progetto totalmente autofinanziato dall’associazione (nessuna operatrice ha ricevuto un compenso, ogni operatrice ha donato tempo e risorse al progetto).

PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2009-2010-2011

Su richiesta di specifici insegnanti, l’associazione ha realizzato interventi puntuali sul tema degli stereotipi di genere e della violenza, presso l’ITI di Pomarance, Liceo scientifico di Volterra e l’ITCG di Volterra.

Sei un/una insegnante, un genitore o uno studente/essa?

Vuoi conoscere meglio come funzionano i nostri progetti nelle scuole e/o chiedere che anche la tua scuola possa aderire? Contattaci e saremo ben liete di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.