3894689206
leamichedimafalda@hotmail.it

MAGGIO 2022 nella Biblioteca di Mafalda

Come trovare parole adatte? si chiede Svetlana Aleksandrovna Aleksievič in “La guerra non ha un volto di donna”. Proviamo a cercarle queste parole, leggendo e ascoltando scrittrici e letterate che ci hanno provato prima di noi: Etty Hillesum, Elsa Morante, Virgina Woolf, Hanna Arendt, Marguerite Duras, Miriam Mafai, Irene Nemirovsky, Matilde Serao, Susan Sontag, Simone Weil, Svetlana Aleksandrovna Aleksievič e altre.

I loro libri saranno esposti nell’androne della Biblioteca Comunale di Pomarance per tutto il mese di Maggio. Ascolteremo le loro parole lette e diffuse sui nostri canali social.

La guerra non ha volto di donna – Ep. I

Etty Hilleseum, scrittrice olandese nata nel 1914 e morta nel 1943 ad Aushwitz.

In questi anni abbiamo raccolto oltre 400 testi di letteratura e saggistica che ruotano attorno ai temi cari all’associazione: narrazioni lontane e vicine, quotidiane e fantastiche, di valore e coraggio, di violenza e di rivincita, di importanti personaggi storici e sociali, realizzate da autrici che meritano un ampio spazio e risonanza.

Dal 2020 questo patrimonio è entrato nelle Rete Provinciale di Bibliolandia rendendosi così disponibile a tutte le persone interessate anche al di fuori del Comune di Pomarance.

COME POSSO RICHIEDERE UN LIBRO?

La Rete Bibliolandia è l’insieme delle biblioteche comunali della Provincia di Pisa e funziona come se fosse un’unica grande biblioteca grazie al servizio di Interprestito attivo 4 giorni a settimana. Se l’utente locale cerca un testo di cui la sua biblioteca è sprovvista, l’operatore non farà altro che richiederlo ad una delle altre realtà che lo posseggono e in pochi giorni lo riceverà.

Per prenotare da casa è necessario iscriversi e lo si può fare soltanto recandosi nella più vicina Biblioteca. Fatta l’iscrizione, l’utente è automaticamente iscritto/a in tutta la provincia e può utilizzare il servizio in qualsiasi biblioteca, restituendo se vuole in quella del suo comune.

Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi: la mia prima patria sono stati i libri.

Marguerite Yourcenar (Memorie di Adriano, 1951)